Programma del Convegno "Metalmeccanici fiorentini del dopoguerra. Una giornata di studio per i cento anni della Fiom"

Lunedì 8 Ottobre 2001 Presso l'Auditorium Borsa Merci

Via Por Santa Maria, 7 - Firenze

 

Ore 9.15: Apertura della giornata

MAURO FUSO (Segretario Generale FIOM-CGIL Firenze)

ore 9.30: Presentazione del Convegno

LUIGI FALOSSI (Presidente Associazione Biondi Bartolini)

ore 10.00: La città meccanica

PAOLO GIOVANNINI (Università di Firenze)

FRANCO BORTOLOTTI (Ires Toscana)

SIMONETTA SOLDANI (Università di Firenze)

ore 11.00: Pausa caffè

ore 11.30: Dalla ricostruzione al miracolo economico

FABIO HAG – MARCO TOCCAFONDI (Associazione Biondi Bartolini)

ALESSANDRO DEL CONTE (Associazione Biondi Bartolini)

al boom economico FRANCESCO CARNEVALE (SPISSL ASL 10)

 

ore 13.00: Buffet

ore 15.00: Fuori dal dopoguerra: protagonisti vecchi e nuovi

ROSSELLA DEGLI INNOCENTI (Associazione Biondi Bartolini)

AMBROGIO BRENNA (Assessore Attività Produttive Regione Toscana)

FIAT fra gli anni ’60 e ‘70

PIETRO CAUSARANO (Università di Firenze)

GIANNI SILEI (Università di Siena)

ore 17.00: Conclusioni

CLAUDIO SABATTINI (Segretario Generale FIOM-CGIL Nazionale)

 

Documenti

GIOVANNI CONTINI e LUIGI FALOSSI)

(schede a cura di CLAUDIO SIGNORI – IRES Toscana)

   

Segreteria del convegno:

Borgo dei Greci, 3 – 50122 FIRENZE

Tel. 055/2700521 – Fax 055/283155

e-mail: fiom@firenze.tosc.cgil.it


La Fiom riscopre la storia operaia fiorentina troppo spesso dimenticata
Nazione 10 Ottobre 2001
Il 16 giugno 1901 nasce il sindacato Fiom. A cento anni e poche settimane da quel giorno, il ramo sindacale metalmeccanico della Cgil si è riunito per parlare di se stesso e dei suoi protagonisti nella tavola rotonda dal titolo “Metalmeccanici fiorentini del dopoguerra”.
“Un omaggio all'importante storia operaia della nostra città, troppo spesso trascurata” sottolinea Luigi Falossi, presidente dell'Associazione Biondi Bartolini che si è occupata di uno studio approfondito tra documenti e testimonianze dirette di chi ha vissuto all'interno delle grandi aziende fiorentine quest'ultimo mezzo secolo.
“La nostra è stata un'operazione un po' controcorrente – continua Falossi – volendo travalicare il semplice studio degli archivi storiografici per far scaturire la reale storia delle industrie fiorentine, compreso quel lasso di tempo che va dalla fine degli anni '60 all'inizio degli anni '70, spesso volutamente trascurato”.
Durante il convegno vari rappresentanti del sindacato e delle università di Firenze e Siena, insieme all'assessore regionale alle attività produttive Ambrogio Brenna, hanno tentato di ricostruire la storia della metalmeccanica fiorentina, dalla “città meccanica” al miracolo economico fino ai protagonisti dell'ultimo ventennio.
“Le aziende fiorentine, di natura assai dissimile tra loro, sono rilevanti per la storia della nostra città” commenta il segretario generale della Fiom-Cgil Firenze, Mauro Fuso.
“Ma la vocazione turistico-commerciale fiorentina non ha permesso di dare loro l'adeguata importanza”.
Gli atti del convegno saranno presto pubblicati insieme ad un video con le interviste ai testimoni della storia operaia. Manuela Plastina